INTEGRATORI NATURALI – LA CURCUMINA

postato in: Blog Nutrizione | 0

CORCLa curcumina viene estratta dalla curcuma speziata indiana (Curcuma longa L.). È uno dei composti antitumorali bioattivi più importanti ed è stato ampiamente studiato per la prevenzione e il trattamento del cancro del pancreas.

La curcumina inibisce diverse vie di segnalazione nelle cellule di cancro del pancreas a più livelli, come fattori di trascrizione (NF-kB, Notch-1, STAT3 e AP-1) (Lev-Ari 2007; Wang 2006), enzimi (COX-2, MMPs e 5-LOX), fattori di crescita del ciclo cellulare (ciclina D1), proliferazione (Ras, EGFR, HER2 e Akt), vie di sopravvivenza (β-catenina e molecole di adesione) e TNF, prostaglandina E2 e interleuchina-8 ( Li 2004), che ha portato ad un aumento della morte delle cellule di cancro al pancreas (Hosseini 2017). Negli studi sul cancro del pancreas, la curcumina è stata utilizzata come agente bioattivo in laboratorio, negli animali e nei clinical trials (su pazienti quindi) di fase I, II e III.

Questi sono alcuni dei risultati dei clinical trials con curcumina. Gli studi clinici di fase II sulla curcumina hanno determinato che la curcumina può essere assunta in sicurezza da pazienti oncologici a dosi orali fino a 8 grammi (g) al giorno (Johnson 2011). Tuttavia, i risultati del più recente studio clinico con curcumina per il trattamento di pazienti con carcinoma pancreatico avanzato hanno rivelato che la dose di curcumina di 8 g / die era difficile da tollerare (a causa della pienezza / dolore addominale) e i ricercatori hanno raccomandato altre formulazioni di curcumina (con biodisponibilità sistemica ed efficacia terapeutica) devono essere valutati per studi futuri (Epelbaum 2010).

Uno studio di fase I / II su 21 pazienti resistenti alla gemcitabina con carcinoma pancreatico trattati con 8 g al giorno di curcumina orale in combinazione con chemioterapia a base di gemcitabina ha trovato la terapia di combinazione sicura, ben tollerata e fattibile. Il tempo di sopravvivenza mediano dopo l’inizio della curcumina è stato di 161 giorni (109-223 giorni) e il tasso di sopravvivenza a 1 anno è stato del 19% (4,4-41,4%) (Kanai 2011).

La curcumina continua a mostrare promesse come un agente anti-cancro, in quanto è notevolmente bioattiva ma anche non tossica anche a dosi elevate. Gli studi clinici di Fase I pilota hanno dimostrato che la curcumina è sicura anche se assunta in dosi giornaliere di 12 g per 3 mesi (Goel 2008).

Al Simposio sui tumori gastrointestinali dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) del 2011, sono state presentate prove precliniche sull’efficacia della curcumina (Estratto Strimpakos 2011 n. 222). Si noti che le forme di curcumina utilizzate in questi studi clinici non erano le forme assorbenti superiori di curcumina che sono ora disponibili come integratori (curcuma +piperina).

Queste nuove formule di curcumina assorbono circa sette volte meglio nel flusso sanguigno, fornendo così ai pazienti la possibilità di ottenere livelli di curcurmina che potrebbero offrire efficacia terapeutica.